Laurea in Educazione professionale (abilitante alla professione sanitaria di educatore professionale)

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8477
Classe di corso L/SNT2 - PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE
Anni Attivi I, II, III
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Numero chiuso
Sede didattica Imola
Coordinatore del corso Diana De Ronchi
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il laureato, al termine del percorso formativo, è in grado di:
-Identificare i bisogni fisici, psicologici e sociali, valutare la necessità di aiuto delle persone di diversa età, cultura e stato di salute nei vari ambiti sociali;
-Collaborare alla valutazione del disagio psicosociale, della disabilità psichica correlata al disturbo mentale e alle dipendenze patologiche, oltre alla individuazione delle parti sane e delle potenzialità del soggetto;
-Rilevare le risorse e i vincoli del contesto familiare e socio-ambientale;
-Collaborare alla identificazione degli obiettivi di cura e di riabilitazione psichiatrica , geriatrica nonché alla formulazione dello specifico progetto di intervento mirato al recupero e allo sviluppo del soggetto in trattamento;
-Attuare interventi educativi-riabilitativi finalizzati alla cura di sé, all'adesione al progetto di cura, alle relazioni interpersonali di varia complessità, all'attività lavorativa e all'autonomia abitativa;
-Operare nel contesto della prevenzione primaria sul territorio e nei luoghi di prossimità al fine di promuovere le relazioni di rete, favorire l'accoglienza e la gestione delle situazioni a rischio e delle patologie manifeste,
-Realizzare interventi di psicoeducazione a persone singole o a gruppi ;
-Operare con le famiglie e con il contesto sociale dei soggetti per favorirne il reinserimento nella comunità.
-Applicare i risultati di ricerca in campo riabilitativo per migliorare la qualità degli interventi;
-Riconoscere e rispettare il ruolo e le competenze propri e altrui al fine di collaborare con i colleghi della propria e di altre équipe multiprofessionali.

Percorso formativo:
• 1° anno di corso – finalizzato a fornire allo studente le conoscenze pedagogiche e sanitarie di base, i fondamenti della disciplina professionale quali requisiti per affrontare la prima esperienza di tirocinio finalizza all'orientamento dello studente nell'ambito professionale . Sono previsti tirocini di orientamento in Comunità terapeutiche psichiatriche, per tossicodipendenti e disabilità.
• 2° anno di corso – finalizzato all'approfondimento di conoscenze cliniche e competenze professionali riabilitative in ambito psichiatrico e delle tossicodipendenze. Lo studente avrà la possibilità di accedere durante l'attività del tirocinio a Comunità di recupero per tossicodipendenti; Comunità residenziale e semiresidenziale per pazienti affetti da problematiche psichiatriche di entità lieve o medio grave; Centri semiresidenziali per utenti con disabilità medio-grave.
• 3° anno di corso - finalizzato all'approfondimento specialistico, ma anche all'acquisizione di conoscenze metodologie inerenti l'esercizio professionale, la capacità di lavorare in gruppo; lo studente può sperimentare una graduale assunzione di responsabilità con la supervisione di esperti. Il tirocinio sarà svolto soprattutto all'interno dei Servizi pubblici Territoriali come U.O.C.Dipendenze Patologiche, U.O.C.Psichiatria Adulti, U.O.C.Neuropsichiatria infantile.
Particolare attenzione viene posta all'acquisizione di competenze metodologiche di ricerca scientifica a supporto di elaborazione di tesi mediante seminari specifici.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE BIOLOGICHE
Il laureato:
• Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali della cellula e degli organismi viventi, con particolare riguardo ai meccanismi di base coinvolti nei seguenti processi: lo sviluppo, le basi biologiche del comportamento e dell'evoluzione
• Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali della struttura del corpo umano nei suoi aspetti macroscopici nei vari periodi della vita, i fondamenti neurobiologici e psicofisiologici relativi al comportamento e alle interazioni cognitive ed emotive fra il soggetto e l'ambiente.
• Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali delle funzioni vitali degli animali e dell'uomo.


AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE MEDICHE
Il laureato:

- Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali
delle scienze mediche e psicologiche e sulle principali teorie epistemologiche, in particolare sui loro metodi di studio, validità e obiettivi.
- Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali
concettuali e metodologici delle scienze neurologiche e psichiatriche,
- Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali che sottendono le malattie di interesse neurologico con particolare riferimento ai modelli cognitivo-comportamentali e dinamici per la spiegazione del comportamento normale e patologico
- Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali teorici e metodologici fondamentali sullo studio di strutture e funzioni cerebrali di base in relazione a processi psicologici e comportamenti specifici.
- Conosce ed è in grado di comprendere i principi fondamentali sui disturbi di personalità, le addiction da sostanze e le addiction da comportamento.

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE STORICHE, FILOSOFICHE, PEDAGOGICHE E PSICOLOGICHE
Il laureato:

- Conosce ed è in grado di comprendere le principali teorie pedagogiche sociologiche e mediche, nonché i relativi modelli di intervento in ambito educativo e assistenziale;
- Conosce ed è in grado di comprendere i modelli teorici di riferimento sulle tecniche riabilitative in ambito psico-socio –educativo;
- Conosce ed è in grado di comprendere i bisogni formativi, assistenziali e sanitari del territori.

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE SOCIALI
Il laureato:

- Conosce in modo approfondito gli aspetti sociali e culturali riguardanti le situazioni di disagio e di marginalità con particolare riferimento all'ambito urbano;
- Conosce i processi di socializzazione primaria e secondaria dell'individuo.

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE ARTISTICHE
Il laureato conosce alcuni aspetti teorici, storici, e metodologici dello spettacolo, in particolare di quello teatrale, con specifica attenzione alla recitazione


AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE GIURIDICHE
Il laureato conosce le basi relative al sistema delle fonti normative, all'organizzazione dell' amministrazione dello Stato e degli enti pubblici.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE BIOLOGICHE
Il laureato:
• E' in grado di identificare i bisogni di salute nei vari ambiti socio-sanitari, integrando le conoscenze teoriche con quelle pratiche per rispondere ad essi con competenza tecnico-scientifica
• E' in grado di identificare gli interventi di psico-educazione nella salute in generale e verso problematiche che gravitano nella sfera psico-socio-pedagogica.

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE MEDICHE
Il laureato:
- è in grado di orientare le iniziative educative e assistenziali in risposta alle specificità epidemiologiche ed economico-sociali del territorio;
- è in grado di impiegare in forma integrata e critica le conoscenze di ordine teorico e metodologico-operativo per comprendere i bisogni educativi, sanitari, e sociali
- è in grado di progettare interventi educativi e assistenziali in coerenza alle domande espresse ed ai bisogni emergenti di salute.

Le seguenti capacità di applicare conoscenza e comprensione vengono raggiungete e verificate anche attraverso la frequentazione di tirocini pratici.

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE STORICHE, FILOSOFICHE, PEDAGOGICHE E PSICOLOGICHE
Il laureato:
- è in grado di applicare abilità relazionali e comunicative necessarie alla gestione efficace della relazione educativa;
- è in grado di realizzare una sintesi originale di competenze relazionali, finalizzate all'aiuto e alla riabilitazione;
- è in grado di progettare attività educative/riabilitative individuali e di gruppo;
- Sa applicare tecniche di prevenzione socio/sanitarie.


AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE SOCIALI
Il laureato è in grado di orientare le iniziative educative e assistenziali in risposta alle specificità epidemiologiche ed economico-sociali del territorio.

AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE ARTISTICHE
Il laureato è in grado di realizzare una sintesi originale di abilità relazionali, finalizzate all'aiuto.


AREA DI APPRENDIMENTO: SCIENZE GIURIDICHE
Il laureato è in grado di riconoscere l'ambiente istituzionale in cui opera.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato:

• possiede la capacità di progettare e valutare ipotesi alternative di intervento, verificando criticamente i risultati ottenuti apportando, ove necessario, modifiche alla progettazione;
• è in grado di Identificare i bisogni reali dell'utenza di riferimento;
• è in grado di verificare la fattibilità progettuale rispetto alle risorse coinvolte;
• è in grado di riconoscere, rispettare il ruolo e le competenze proprie e degli altri operatori dell'equipe, ai sensi della normativa vigente;
• è in grado di dimostrare capacità di progettare, realizzare e valutare interventi formativi del personale di supporto, nonché, di concorrere direttamente alla formazione ed all'aggiornamento relativo al proprio profilo professionale;
• È in grado di riconoscere nell'esercizio della propria professione e in conformità al profilo professionale, al codice deontologico e alle leggi vigenti le proprie responsabilità.

l'impostazione didattica si attua attraverso lezioni frontali e laboratori didattici, dove le informazioni ottenute vengono elaborate descritte e rappresentate attraverso soluzioni diverse. Esercitazioni di gruppo e individuali incentivano gli studenti ad un livello di giudizio autonomo e maturo verificato e valutato attraverso l'elaborazione dei progetti , colloqui d' esame, esercitazioni professionali.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato:
• possiede capacità relazionali basate su accoglienza, ascolto, auto-osservazione, empatia, assenza di giudizio e pregiudizio.
• è in grado di coordinare gruppi di lavoro in un contesto anche multidisciplinare.
• è in grado di lavorare e comunicare efficacemente con individui dotati di professionalità differenti.
• E' in grado di esporre contenuti, informazioni e idee relative al proprio campo di studi, utilizzando adeguate forme comunicative a seconda degli interlocutori.
• Conosce e sa utilizzare la lingua inglese, ad un livello intermedio (B 1) nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali. Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.

Le abilità comunicative vengono acquisite attraverso la presentazione e discussione degli argomenti scientifici che costituiscono la modalità di valutazione dei diversi insegnamenti.
Per lo sviluppo di queste abilità l'impostazione didattica prevede anche attività di gruppo legate alle esercitazioni ed alla redazione dei progetti. Gli allievi sono stimolati a comunicare, motivare e valorizzare le scelte progettuali, all'interno del gruppo di lavoro. In particolare è curata la capacità di comunicare e motivare le scelte con un linguaggio comprensibile anche a soggetti non specialisti. La preparazione della tesi rappresenta un'ulteriore occasione di maturazione delle capacità comunicative. Le abilità comunicative maturate sono valutate attraverso le verifiche periodiche dei progetti nelle prove d'esame scritte e orali e nelle supervisioni di tirocinio.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato:
• ha acquisito una metodologia di apprendimento che gli consente di affrontare le problematiche e ridefinire gli obiettivi in base ai mutamenti psico-socio educativi ed economici;
• in grado di riconoscere la necessità dell'apprendimento autonomo durante tutto l'arco della vita lavorativa ed avere la capacità di impegnarsi per il raggiungimento di questi obiettivi;
• è in grado di applicare i metodi e gli strumenti di apprendimento acquisiti e svilupparli in un contesto professionale;
• è in grado di aggiornarsi, sulla base di prove di efficacia, in merito alle tematiche lavorative e di settore;
• acquisisce un metodo di studio e la capacità di lavorare per obiettivi sia in gruppo che in maniera autonoma.

L'impostazione delle lezioni privilegia metodologie didattiche quali l'analisi e la risoluzione di problemi differenti e complessi, l'integrazione delle varie discipline e la discussione in gruppo, per favorire l'acquisizione di una metodologia di apprendimento.
L'attitudine all'apprendimento verrà valorizzata attraverso l'utilizzo di libri di testo avanzati, di documentazione tecnica e di informazioni in rete nell'ambito delle attività formative proprie del corso di studio e permetterà ai laureati di acquisire ulteriori competenze che sono loro necessarie per intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia per la consultazione e l'utilizzo di materiale bibliografico, banche dati e altre informazioni in rete.
Ulteriore strumento per valutare la maturazione delle capacità di apprendimento è costituito dall'elaborato di tesi, nel quale lo studente si misura in prima persona con l'approfondimento e la ricerca autonoma.
La verifica delle capacità di apprendimento viene effettuata attraverso le prove in itinere, gli esami di profitto, gli insegnamenti professionalizzanti e nelle supervisioni di tirocinio.

Attività tirocinio

Le attività di tirocinio constano di n. 1.500 ore totali, così suddivise:

- Tirocinio inerente la conoscenza generale dei vari ambiti della psichiatria e della tossicodipendenza - I anno - 10 CFU, 250 ore.

- Tirocinio inerente la psichiatria dell'adolescente, dell'adulto e dell'anziano - II anno - 25 CFU, 625 ore.

- Tirocinio inerente le tossicodipendenze - III anno - 25 CFU, 625 ore.

Mobilità internazionale

Referenti:

Ufficio Staff - Supporto Mobilità Internazionale Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Polo didattico Murri, Via Massarenti 9 -40138 Bologna

Email: erasmus.medicine@unibo.it

Tel: +39 (0) 512095543
Fax: +39 (0) 512086020

Prova finale

Modalità di svolgimento della prova finale
La prova finale si compone di:
a) Una prova pratica nel corso della quale lo studente deve dimostrare di avere acquisito le conoscenze e le abilità' teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale;
b) Redazione di un elaborato di una tesi e sua dissertazione.
La prova finale si svolgerà secondo quanto previsto dal "Regolamento sullo svolgimento della prova finale per le lauree delle professioni sanitarie" approvato dal Consiglio di Corso di studio e deliberato dal Consiglio della Scuola.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di secondo ciclo (laurea magistrale) e master universitario di primo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Educatore Professionale (per esercitare la professione e’ necessario il superamento dell’esame di stato ,la discussione della tesi)

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L’educatore Professionale è l’operatore sociale e sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante, attua specifici progetti educativi e riabilitativi, nell’ambito di un progetto terapeutico elaborato da un’èquipe multiprofessionale, volti a uno sviluppo equilibrato della personalità con obiettivi educativi/relazionali in un contesto di partecipazione e recupero alla vita quotidiana; cura il positivo inserimento o reinserimento psico-sociale dei soggetti in difficoltà
Sulla base della normativa vigente l’Educatore Professionale svolge le seguenti funzioni:
• Attua specifici progetti educativi e riabilitativi volti a uno sviluppo della personalità, nell’ambito di un progetto terapeutico elaborato da una equipe multiprofessionale, in un contesto di partecipazione e recupero alla vita quotidiana;
• cura il positivo inserimento o reinserimento psico-sociale dei soggetti in difficoltà".
• programma, gestisce e verifica interventi educativi mirati al recupero e allo sviluppo delle potenzialità dei soggetti in difficoltà per il raggiungimento di livelli sempre più "avanzati" di autonomia;
• contribuisce a promuovere e organizzare strutture e risorse sociali e sanitarie, al fine di realizzare il progetto educativo integrato;
• programma, organizza, gestisce e verifica le proprie attività professionali all’interno di servizi socio-sanitari e strutture socio-sanitarie-riabilitative e socio educative, in modo coordinato e integrato con altre figure professionali presenti nelle strutture, con il coinvolgimento diretto dei soggetti interessati e/o delle loro famiglie, dei gruppi, della collettività;
• opera sulle famiglie e sul contesto sociale dei pazienti, allo scopo di favorire il reinserimento nella comunità;
• partecipa ad attività di studio, ricerca e documentazione finalizzate agli scopi sopra elencati;
• contribuisce alla formazione degli studenti e del personale di supporto e concorrono direttamente all’aggiornamento relativo al loro profilo professionale e all’educazione alla salute.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni descritte all’Educatore Professionale, sono richieste le determinate competenze e abilità :

• capacità di identificare i bisogni fisici, psicologici e sociali e valutare la necessità di aiuto delle persone di diversa età, cultura e stato di salute nei vari ambiti sociali;
• capacità di collaborare alla valutazione del disagio psicosociale, della disabilità psichica correlata al disturbo mentale e alle dipendenze patologiche, oltre alla individuazione delle parti sane e delle potenzialità del soggetto;
• capacità di rilevare le risorse e i vincoli del contesto familiare e socio-ambientale;
• capacità di collaborare alla identificazione degli obiettivi di cura e di riabilitazione psichiatrica , geriatrica nonché alla formulazione dello specifico progetto di intervento mirato al recupero e allo sviluppo del soggetto in trattamento;
• capacità attuare interventi educatvi-riabilitativi finalizzati alla cura di sé, all’adesione al progetto di cura, alle relazioni interpersonali di varia complessità, all’attività lavorativa e all’autonomia abitativa;
• capacità di operare nel contesto della prevenzione primaria sul territorio e nei luoghi di prossimità al fine di promuovere le relazioni di rete, favorire l’accoglienza e la gestione delle situazioni a rischio e delle patologie manifeste,
• capacità di realizzare interventi di psico-educazione a persone singole o a gruppi ;
• capacità di operare con le famiglie e con il contesto sociale dei soggetti per favorirne il reinserimento nella comunità.
• capacità di applicare i risultati di ricerca in campo riabilitativo per migliorare la qualità degli interventi;
• capacità di riconoscere e rispettare il ruolo e le competenze propri e altrui al fine di collaborare con i colleghi della propria e di altre équipe multi-professionali.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Esercita la sua attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale presso:

• Aziende Usl
• Università
• Cooperative sociali
• Cliniche private
• Servizio Assistenza alla Persona
• Ospedali pubblici e privati -
• Istituti geriatrici
• Strutture riabilitative e specialistiche
• Residenze sanitarie assistenziali
• Libera professione



Parere delle parti sociali


ORGANO O SOGGETTO ACCADEMICO CHE EFFETTUA LA CONSULTAZIONE
Presidente/coordinatore Cds in Educazione Professionale.


ORGANIZZAZIONI CONSULTATE O DIRETTAMENTE O TRAMITE DOCUMENTI E STUDI DI SETTORE
Associazione Nazionale Educatori Professionali (ANEP) - Rappresentati degli studenti.


MODALITA' E CADENZA DI STUDI E CONSULTAZIONI
Nei giorni 18 marzo 2010 e 17 giugno 2010 presso l’Istituto di Psichiatria P. Ottonello si è tenuta la consultazione con le parti sociali alla quale hanno partecipato Il Presidente del Corso di Laurea in Educazione Professionale dell’Università di Bologna, la Presidente Nazionale ANEP e una delegazione di Educatori Professionali ad essa afferenti, gli altri Presidenti dei Corsi di laurea in Educazione Professionale e una delegazione in rappresentanza degli studenti. Nell’ambito degli incontri sono stati analizzati i fabbisogni ed i possibili sviluppi della professione, con esame dell’offerta formativa della Facoltà e verifica della sua rispondenza alle esigenze del mercato, in un’ottica di promozione del quadro giuridico della professione. Dalla discussione sono emersi utili suggerimenti e un parere delle parti sociali pienamente favorevole all’Ordinamento proposto, nonché una generalizzata disponibilità a collaborare per la realizzazione di un’offerta formativa in grado di recepire le esigenze espresse dal mondo del lavoro dove si dovrà collocare l’Educatore Professionale.

Il percorso formativo è valutato e aggiornato mediante una interazione continua con i referenti delle parti sociali, coordinatore tecnico-pratico, i tutor didattici/anno e con le guide/tutor di tirocinio.


DOCUMENTAZIONE
VERBALI DELLE RIUNIONI COLLEGIALI
Presso Istituto di Pschiatria P. Ottonello Viale Carlo Pepoli n. 5 -Bologna

Contatti e recapiti utili

Coordinatore del Corso di Studio

Prof.ssa Diana De Ronchi

E-mail: diana.deronchi@unibo.it

Coordinatore tecnico pratico e di tirocinio:

Cleta Sacchetti

Email: cleta.sacchetti2@unibo.it